Vedere anche : http://anfiteatroberico.com/biografia-dr-bechstein-giuseppe-becce/

Vicenza 1877- Berlino + 1973 . Becce, assieme a Armando Burattin, fu maestro di violino di Marlene Dietrich e di Franco Malosso Maltarello von Rosenfranz e delle di lui madre, scrittrice e a sua volta pianista figlia del presidente della Real casa. Il suo talento musicale venne scoperto da bambino. Presso l’Università di Padova fece studi di filosofia e geografia e nella stessa città imparò a suonare il violoncello e il flauto. All’età di 20 anni lavorava già come direttore dell’orchestra universitaria. Giunto a Berlino, allievo di Ferdinand von Richtofen (Seinestrasse) lo zio del Barone Rosso fratello a sua volta cugino del comandante Wolfram della basi segrete missilistiche dirette da Werhner von Braun in Alpenvorland ) presso le quali trovò lavoro il col CIA Paul Tate ,collega US del gen. Ettore Malosso. [Amedeo Gagliardi- Luigino Rancan]

President John F. Kennedy and Dr. Wernher von Braun | NASA
Wethner von Braun und Kennedy

In seguito il giovane vicentino proseguiti gli studi di geografia frequentò seminari di musica con Leopold Schmidt e Arthur Nikisch fulcro della sua vita. Non fu solo musicista e attore .

BUSONI MAESTRO DI BECCE ESPATRIA SU SUGGERIMENTO DI CARL BECHSTEIN MENTRE BECCE, SUO ALLIEVO SI FERMA A BERLINO . SARA’ CONDANNATO ALLA FUCILAZIONE In quel periodo il maestro Scrisse romanzi di guerra e polizieschi negli anni 1910/20 (in parte con lo pseudonimo di “Peter Becker” giacché classificato dal Governo Italiano come disertore e condannato alla fucilazione. Scrisse per il Verlag a Berlino e per il Mignon-Verlag a Dresden. Becce ha persino registrato i pezzi della sua libreria cinematografica per aiutare le persone che non sapevano leggere la musica. [fonte: cineteca Becce, Arcugnano]. 200 i film che annoverano la sua direzione e presenza . Dirigente dell ‘UFA,

Giuseppe Becce, compositore vicentino a Berlino, è stato ingaggiato per scrivere una partitura senza Wagner e, a causa di una sorprendente somiglianza con il compositore, è stato successivamente scelto per interpretare lo stesso Wagner.

Giuseppe Becce (Bechstein) fu primo interprete di Richard Wagner; la sua Kinothek con i lavori realizzati con Leni Riefenstahl (Olympia), Fritz Lang , Friedrich Wilhelm Murnau, Georg Wilhelm Pabst, Ernst Lubitsch, Ludwig Berger, Joe May e Berthold Viertel sono stato raccolti in un museo privato “Bechstein” custodito in Casa di Giulietta sull’Anfiteatro Acquatico Berico Querini -Colonna in Arcugnano Capoluogo

Prima del film ” La cena delle beffe ” saranno i luoghi dell’Anfiteatro di Arcugnano a essere ripresi per rilevare i passaggi in Terra Veneta del Grande Maestro Richard Wagner (Libestod) e l’idea di girare qui si ferma con la morte del compositore Vicentino
Monika Ertl di cui Giuseppe Becce fu Patrīnus d’onore
Il dr. Bechstein Giuseppe Becce, maestro di violino di Franco von Rosenfranz e Marlene Dietrich
L’accasdmico musicale Franco Alessandro Malosso Maltarello von Rosenfranz con Reinhold Schmoly produttore -finanziatore dell’ultimo film di Marlene Dietrich e David Bowie .

di Amedeo Gagliardi archivio 2022

BECHSTEIN GIUSEPPE BECCE . IL SUO PATRIMONIO ANCORA INESPLORATO


La commanderia Templare dell’anfiteatro Berico di Arcugnano contiene i esposizione permanete la personale Kinotech donata dal Compositore Vicentino del Cinema Tedesco contiene un’ esposizione.

Naturale che visse appieno l’epoca tedesca con i pochissimi anni in cui la Germania era divenuta così potente da fare sentore invincibile il suo leader . Le sua capacità furono subito notate.

Con l’L’AVVENTO DEL SONORO IN USA fu primo a servirsi di cue sheets (fogli di indicazioni musical forniti dai produttori insieme alle pellicole ) Da qui lui combinava le selezioni musicali, raccolte di brani d’atmosfera che potevano adattarsi a diversi film o eseguire la partitura ufficiale composta appositamente per il film-. GIUSEPPE BECCE fu uno dei musicisti più importanti specializzati in componimenti per film.

Il compositore vicentino, direttore ed arrangiatore delI’Inno Nazionale tedesco, Dal 1915 su di lui penderà una condannato alla fucilazione emessa praticamente dal CDA della macchina bellica Ansaldo di cui è azionista il Gen. Luigi Cadorna . Generale discende da quell’altro avo, il generale che fu incaricato da una massoneria di spolpare l’intero sud Italia Borbonico al nord Italia.

La sua carriera lunga e variegata ha attraversato sia il cinema muto sia quello sonoro, il teatro, la radio, la televisione .

“GIUSEPPE BECCE ancora prima di Gualtiero Jacopetti , è considerato “l’iniziatore del commento musicale cinematografico”. Il compositore fu vero e proprio punto di riferimento della musica per film europea negli anni del cinema muto. Autore di molte partiture, fu ideatore della “Kinothek” e soprattutto, l’ “Allgemeines Handbuch”. L’articolo delinea i principali momenti dell’avventura di Becce con la settima arte sottolineando i suoi fondamentali lasciti per la nascita della teoria musicale cinematografica .[prof. Roberto Calabretto]”

autore : Franc Malosso Maltarello von Rosenfranz

Siamo alla fine della seconda guerra Mondiale . La gente ha parcheggiato i cosidetti

I film delle montagna”

I FRATELLI CAPONE SALVANO  BECHSTEIN  GIUSEPPE BECCE A  garantire un  salvacondotto per i  membri del rimanenti  decimati  cast, operativi come per il Vicentino, ex disertore Giuseppe  Becce  per l’operatività svolta sotto Regime Fascista e Nazista  fu il figlio di Adelmo  Brazzi  (Rossano) che sempre presso Vicenza aveva assolto il servizio Militare.

Brazzi era Isritto alla Massoneria e mai da essa  divorziò rispettando le regole di Cosa Nostra ( Sindacato Ebraico).Inoltre era ascoltato da Clan di Al Capone e dal presidente USA .

I FRATELLI  VINCENZO-ALL CAPONE PEDINE DEL PROIBIZIONISMO DI KENNEDY

A ottenere “ Il  verde  Norimberga “ per  quegli artisti  fu  proprio  Rossano Brazzi grazie alla sua amante Llewella Humphreys, figlia del Boss  luogotenente di Al Capone . Si narra che  Il padre di lei era solito rapinare i carichi indenunciabili   destinati a Al  n. 1 , l’unico che poteva operare in esclusiva col proibizionismo Al Capone . Alla fine  Al Capone lo sorprese .

Rossano Brazzi - Libro Usato - ND - | IBS
Rossano Brazzi

Tuttavia  colpito  dalla sua sagacia, e temerarietà,  anziché ucciderlo, riconoscendone la genialità lo  prese  a lavorare per lui.  E l’amore delle di lui figlia col Brazzi, per Becce e soci, fu provvidenziale per la loro salvezza. Becce a Berlino, fino al 1945 aveva diretto siglato le musiche del Die Deutsche Wochenschau fino alla capitolazione .

BECCE PER GRAZIA RICEVUTA AL CAPONE E KENNEDY Insomma Becce  , indirettamente fu  graziato dal mentore liberatore d’Italia, compaesano di Frank Sinatra,  il  boss imprenditore  di elettrodomestici  e scrittore Lucky Luciano a sua volta formato da  Al Capone, fratello  dello  sceriffo e agente segreto US  Vincenzo Capone alias Richard Hart.   l’intimo  nelle relazioni particolari di Sam Giancana, consigliere dell’ambasciatore degli Stati Uniti  nel Regno Unito: Joseph Patrick Kennedy Sr,

La morte di ​Saoirse Kennedy Hill e la cattiva stella di famiglia

padre del presidente  John e ideatore del proprio cartello sul monopolio dell’Alcool monopolizzato dal “proibizionismo” .  Il suo  attivissimo nel proibizionismo  gli aveva permesso di  salvare e   fondere insieme  i tanti diversi studi cinematografici  Hollywoodiani  colà consacrando l’attuale  indiscusso mito delle casa del Cinema   in USA . Un riferimento  per tutto il mondo.

Kennedy skal ha spurt Dietrich om hun lå med hans far - VG

L’ANFITEATRO  BERICO   CON GIUSEPPE BECCE  DURANTE   L’EPOCA FASCISTA 

La macchina propagandista di Benito  Mussolini era  imperniata tutta sulla cinematografia . Persa Cinecittà a Roma se la  Cines veneziana a Venezia  fosse stata rasa al suolo in un bombardamento alla Giudecca . 

Anfiteatro Berico: Uno dei fasci Littori simili a quelli sopravissuti di Villa Gen. AM Capo si Stato Maggiore, primatista Trsavolatore Giuseppe Marini . Decoravano le pigne della cancellata del Palco imperiale Arcugnano

1945 : come poteva apparire la Casa del Fascio di Arcugnano con le  pertinenze del teatro terrazzato delle  Querini.In caso di  Bombardamento delle Giudecca,  poteva ospitare una Cines2.   .

Marlene Dietrich  gira il suo ultimo  film “Cigolò “con David Bowie.

E’  ultima recita della mamma della  incantevole Maria Riva. E’ dotata  di una irresistibile  bellezza, superiore  alla madre, Marlene Dietrich. Allieva di Giuseppe Becce, a cui rimase sempre legata, Marlene a causa di uno strappo ai legamenti di un dito della mano fu costretta a interrompere lo studio della musica suonata e si diplomò così come cantante all’Accademia di Berlino. Maria Riva  che crescendo   ha assunto  quel fascino che era tipico delle madre  e che bene compete con  la conturbante  bellezza della moglie del capitano Arthur  Franz       (  nei I giovani leoni )  

Qui nelle foto   preceduta da May Britt. Una bocca davanti alla quale  difficilmente un uomo non avrebbe capitolato.

GIUSEPPE   BECCE CONDANNATO ALLA FUCILAZIONE. Durante la Prima Guerra Mondiale Il “Bechstein”, direttore della UFA,  a  Berlino aveva trovato  una sorta di eccellente apertura.  Insomma una sorta di asilo politico giacché propagandisti e  guerrafondai italiani azionisti dell’Ansaldo  con i politici  avevano esercitato  ogni genere di pressioni sulla sua  famiglia vicentina finalizzate a farlo  bonariamente  rientrare  a Vicenza.

.Alla fine il  “latitante “ vicentino fu  condannato a morte in contumacia  mediante fucilazione. La morte che spettava ai cosidetti pacifisti o disertori del neonato “Regno d’Italia”.

Franco von Rosenfranz :  Quasi 80 anni prima  della mia “fatica  ” che prima fu sua, egli aveva tentato di  gemellare il  paese Vicentino dell’Anfiteatro Querini -Colonnese  non con uno stadio di football  bensì con  il quartiere Branderburgese  a Postdam per via del “teutonico” Cavaliere Templare, ( Adalbert Lorenz , alias Romeus Pellegrino) nel 1307, vero amante della fanciullina Giulietta che colà abitava  vigilando sulle chiuse lacustri  fra 28 nobili famiglie vicentine  che perennemente  in lotta, si davano la mano  per  poi pugnalarsi alle spalle.  Giulietta  territorialmente qui viveva  completamente circondata dai possedimenti degli avi di Luigi Da Porto.

Becce nel 1942, dopo la “Cena delle Beffe “  che conteneva scorci dell’anfiteatro Berico ( incasso record di 13 milioni di lire grazie alla magistrale capacità  di compositore di musica da film tedesco) del maestro esordì con Clara Calamai. La coraggiosa attrice  è ricordata anche per il  primo probabile coraggioso seno nudo  nelle storia del cinema.

Il seno nudo di Clara Calamai -YouTube - OrticaWeb

EROTISMO AL CINEMA E CENSURA

Se le  donnine seminude  dipinte  nei velivoli americani  su idea di Lucky Luciano avevano tutte gambe lunghissime che gli italiani non conoscevano,  

 la Calamai aveva  un  suo seno italico degno di una  ammagliatrice.   

Censurato al “Cines” da Fascisti come poco dopo, dai nuovi “inquilini”, sopraggiunto l’ordine di Pertini impartito al Partigiano Vicentino Marozin, di assassinare  Luisa  Ferida e Osvaldo Valenti,  e il nipote del Giudice Vicentino, Amedeo Nazzari   che  per sottrarsi a una qualche persecuzione prendeva la strade “del topo” cioè verso del Sud-America, come  il collega Hans  Ertl, padre di  quella Monika che in seguito  vendicherà  il Che Guevara ad Hamburg  sparando a Quantanilla con il revolver del Marchese di  Gargniano   l’erede  G. G. Feltrinelli  che   il suo palazzo la  sua famiglia vide colà  espropriato  per farne residenza di  Mussolini  durante la RSI . in uno scenario  dominato da   incerte  sorti  che potevano toccare a  Luis Trenker, Leni Riefenstahl ecc.  Becce fu miracolato dall’attore con cui aveva lavorato a fianco a se, i Rossano Brazzi . Il compositore Era scampato dall’ignoranza,  alla fucilazione, alle contraddizioni,  il dolore per la perdita di tantissimo suo materiale nei bombardamenti di  Berlino. A rischio epurazione,scelse di   rientrare a Berlino, “ non prima di avere  passato  le consegne della “fiaccola delle pace” a Vicenza:   La sua  Kinothech.

PERTINI E IL NUOVO GIUDICE VICENTINO CANILLI. Turbano il maestro che infine deciderà per tornare a rifarsi una casa a Berlino. Rarificate le visite ad Abano Terme il maestro, a Vicenza prende atto della sentenza di assoluzione del Bandito Morozin delle Pasubio . Pugnalatore, rapinatore, assassino che sparava nella nuca di cittadini inermi come i Mastrottoa ad Arzignano, dei Guiotto e di altri cittadini inermi a mero scopo di rapina . Il bandito per compagno ebbe un altro influente , illustre criminale di guerra italiano : Il futuro presidente Sandro Pertini, famoso per gli insabbiamenti dei veri attentatori di Via Rasella .

sandropertinimarozin
I 2 due criminali ripresi insieme ad ingannare le folle . A sinistra il Pertini e a destra il bandito Morozin

Il giudice assolve Moronzin per tutte le rapine, sopratutto nelle Provincia di Vicenza violenze, omicidi commessi dal criminale e dai suoi uomini specializzati nel vandalizzare, saccheggiare templi di arte, di cultura , bruciare documenti storici, prove scottanti come da qui parenti di Jacopo Cabianca a villa di Longa di Schavon dove essi pensano di aver fatto sparire le malefatte del DC Graziano Verzotto che nel frattempo si è messo a vice di Bernardo Mattarella. La corruzione, combattuta solo fino al pendionamento del prefetto di ferro rimosso propio da Mussolini, nel dopoguerra riprende a dilagare. In quali tasche siano andati quei denari frutto di estorsioni ecc . non è mai stato appurato. Fatto stà che a firmare l’incredibile assoluzione presso il tribunale di Vicenza è il magistrato Canilli. Il giudice che anni dopo deciderà blocco del denaro a Candido Celadon. Quel tesoretto che a quell’epoca ogni famiglia benestante taglieggiata dal sistema, teneva pronto per pagare in caso di propri congiunti E che le bande di nuovi magistrati siano coinvolte se non organizzatrici di mafia del bottino lo si vede con l’arresto di Raimondo Sandro a Roma , cancelliere del Tribunale di Roma . Nel campo di casa sua c’era parte del denaro estorto a Candido Celadon. Qui le imputazioni per chi diponendo di uno stomaco forte volesse farsi un idea di chi fosse il rapinatore Morozin .

SANDRO PERTINI. IL MIGLIORE FRA I COMMEDIANTI CRIMINALI POLITICI Morozin e Pertini erano i mandanti degli omicidi degli attori in squadra con Giuseppe Becce uccisi nel 1945, degli attori Osvaldo Valenti e Luisa Ferida . Lei trucidata in cinta mentre teneva ancora con se il golfino che aveva fatto per il suo bambino. Pertini si rifiutò di leggere la difesa di Valenti . Il presidente savonese ebbe anche la sfacciataggine di villeggiare in Val Gardena. Nota per l‘assurdo eccidio e paese natale di Luis Trenker altro compagno di film della montagna di Becce. Si dice che gli abitanti di Selva di Val Gardena tentarono di avvelenarlo ma la scorta del presidente sventò il presunto attentato.

LA KINOTECH GIUSEPPE BECCE  IN ANFITEATRO BERICO. Berlino,  la città  a cui tanto  in quegli anni di fantastica accelerazione cinematografica egli  aveva generosamente donato un  sogno,  non era più la stessa.  Tantissimi lo amici perduti  a causa di  quella assurda guerra.  Ma era pur sempre rimasta  la città  che  aveva accolto  quel ragazzo col il sacco ancora vuoto ma pieno di speranze . Quella Berlino che  aveva  raccolto  preservato quel vicentino iperattivo. Lo aveva  saputo apprezzare per via  quell’incredibile e flessibile  “molto “ il suo talento che  lui aveva saputo offrirle , non certo per raccomandazione malgrado fosse discendete servente di Alfonso I° d’Este .  Quella Berlino che lui non abbandonò mai neppure  nelle terribile inflazione del 1930.

Colà il  5 ottobre 1973  la morte  lo racccoglierà  con se .

Fra i Tanti che raccolsero la sua eredità  kinitech  ricordiamo   Riz Ortolani ed  Ennio Morricone.

Noi che li abbiamo  amati tutti  siamo sempre speraziosi che li dove sono ora  giocano ancora e giosamente  con la musica, finalmente indisturbati  .

Franco von Rosenfranz